BENEFICI ECONOMICI ED AMBIENTALI

Grazie all’applicazione dei nostri sistemi, Energia Europa contribuisce alla salvaguardia dell’ambiente.

I benefici dei nostri prodotti non sono solo economici ma anche ambientali, poiché la salvaguardia dell’ambiente ed il contributo sociale di ogni impresa rappresentano oggi un effettivo vantaggio competitivo.

I principali inquinanti atmosferici che i nostri sistemi di risparmio energetico riducono sono i seguenti:

 

CO2

Le emissioni della combustione di carbone in centrali elettriche rappresentano la più grande fonte artificiale di anidride carbonica CO2, causa primaria del riscaldamento globale e delle piogge acide*.

Riducendo il consumo di energia elettrica riduciamo la quantità di questo gas che immettiamo nell'atmosfera.

Ogni kWh risparmiato equivale a 0,450 Kg di minori emissioni di CO2 nell’ambiente.

NOx

Le principali fonti di ossido di azoto provengono dalle attività umane, come i fumi dei veicoli di trasporto, quelli derivanti dalla produzione di energia e dall’incenerimento.

SOx

Il biossido di zolfo è un gas incolore che proviene dalla combustione di carbone e petrolio per produrre elettricità ed energia, oltre che per riscaldare le case e le industrie di tutto il mondo.

 

PM10

Sono polveri inalabili perché in grado di penetrare nell’apparato respiratorio. Sono prodotte dai processi di combustione tra cui quelli che avvengono nei motori a scoppio, negli impianti di riscaldamento, in molte attività industriali, negli inceneritori e nelle centrali termoelettriche.

 

Oltre alla diminuzione degli agenti atmosferici cosiddetti inquinanti, l’applicazione dei sistemi E-BOX, E-POWER e E-CONTROLLER contribuisce alla salvaguardia della salute delle persone e dell’ambiente agendo su:

RIDUZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Tra i danni maggiori causati dalle esposizioni ai campi elettromagnetici ci sono i tumori, le leucemie, l’insonnia e la depressione. I nostri sistemi permettono una riduzione dell’inquinamento elettromagnetico ottenuto grazie alla riduzione dei Watt\m2 (- 30% circa) emessi dalle sorgenti luminose e dai reattori elettromagnetici.

SMALTIMENTO CORPI ILLUMINANTI

La riduzione del ciclo di smaltimento lampade, degli starter e dei reattori (-40%) permette di limitare le pericolosità derivanti dagli effetti nocivi che il mercurio può arrecare alla salute e agli ecosistemi nel momento in cui viene immesso impropriamente nell’ambiente.

INQUINAMENTO LUMINOSO

Quando l’uomo immette luce di notte nell’ambiente esterno al di fuori degli spazi che sono necessari illuminare altera la quantità naturale di luce presente e produce una forma di inquinamento (l'inquinamento luminoso) che interferisce col rapporto che noi e gli esseri viventi in genere hanno con l'ambiente in cui vivono.

IL PROTOCOLLO DI KYOTO

È un accordo nel quadro della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). I paesi che hanno ratificato il protocollo si sono impegnati a ridurre le loro emissioni di anidride carbonica e di altri cinque gas ad effetto serra. Il protocollo di Kyoto ora copre più di 170 paesi nel mondo e più del 60% dei paesi in termini di emissioni globali di gas serra. L’obiettivo è quello di raggiungere “la stabilizzazione delle concentrazioni di gas ad effetto serra nell’atmosfera ad un livello che prevenga una pericolosa interferenza delle attività umane sul sistema climatico”.